Edoardo Guerrini

Il lago verde

La superficie verde di un lago di cava, annidato nella pianura risicola piemontese, nasconde segreti inconfessabili. Luci e ombre si susseguono, riflessi sulla superficie dell’acqua possono abbagliare e confondere le idee. Ettore Esposito, commissario capo della polizia provinciale, mentre indaga trova l’amore. Ma sarà un sentimento autentico o solo un miraggio?

La superficie verde di un lago di cava, annidato nella pianura risicola piemontese, nasconde segreti inconfessabili. Ettore Esposito, commissario capo della polizia provinciale, inizia a sospettare che qualcosa non vada nella conduzione dell’azienda, gestita da una rispettabile famiglia di lunga tradizione industriale. Chi sono i veri soci di maggioranza? Dov’è finito il direttore, scomparso insieme alla sua “amica”? Luci e ombre si susseguono, riflessi sulla superficie dell’acqua possono abbagliare e confondere le idee. È amore vero quello che Angela, australiana di origini calabresi, proprietaria di un capannone pieno zeppo di rifiuti, porta in dote a Ettore, o i suoi occhi neri come ossidiana sono troppo belli per essere veri?

Edoardo Guerrini è nato a Torino nel 1965, ma è molto legato a Napoli, città dei suoi genitori. Biologo, due figli, da oltre venticinque anni si occupa di tutela dell’ambiente come dirigente in diverse province piemontesi e ora presso la Regione Piemonte. Lettore accanito, ama i classici, a cominciare da Cervantes e Shakespeare, e le detective stories (Stout, Simenon, Hammett, Chandler, Camilleri, Manzini e tanti altri). La sua vocazione per la scrittura, emersa negli anni di liceo in lunghe nottate passate a narrare storie con gli amici, è riemersa nel 2015 dopo un viaggio a Napoli che ha fatto risvegliare in lui memorie familiari. Ne è risultato un romanzo, “Senza fili”, pubblicato nel 2017 con la casa editrice Salvatore Insenga di Palermo, che prende spunto dalla strage di Portella della Ginestra e che è risultato finalista in diversi concorsi letterari. Nel 2019 ha pubblicato per la casa editrice Il Seme Bianco “Il quaderno del Fato”, un thriller/avventura che tocca luoghi pieni di fascino come Marrakech e Samarcanda, alla ricerca di antichi codici, toccando temi come l’integrazione fra culture, i dogmi e l’amore per la bellezza e la verità. Il romanzo ha ricevuto la menzione d’onore alla settima edizione del premio “Le Ragunanze”, organizzato dall’omonima associazione di promozione sociale romana, ed è risultato finalista al premio Città di Arcore. Ora Ettore Esposito, già protagonista in “Senza fili”, torna ne “Il lago verde” con il nuovo ruolo di commissario capo di polizia provinciale.

Condividi questo libro

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email